DISTINZIONE TRA I MUSCOLI ADDOMINALI CON CHIARE CARATTERISTICHE DINAMICHE -Ph. E. Souchard

Torna a News

DISTINZIONE TRA I MUSCOLI ADDOMINALI CON CHIARE CARATTERISTICHE DINAMICHE -Ph. E. Souchard

Sintesi breve di alcuni principi fondamentali che costituiscono le basi della Rieducazione Posturale Globale-RPG

  • Il nostro apparato muscolo-scheletrico è fondamentalmente cateterizzato da una bipolarizzazione: la funzione dinamica e la funzione statica.
  • Le caratteristiche di ogni gruppo muscolare, statico o dinamico, ovviamente, sono relative, poiché i muscoli della statica sono in grado di produrre una contrazione dinamica e quelli della dinamica hanno anche un po’ di tono.
  • L’ antagonismo puro tra i muscoli non esiste. Le cosiddette funzioni antagoniste devono sempre essere sfumate dalla nozione di complementarità.
  • Le sinergie possono nascere solo da questo antagonismo-complementarità bipolare le cui proporzioni declinano all’infinito, a seconda della loro localizzazione.
  • Le funzioni statiche e dinamiche sono della stessa importanza, ma non devono far dimenticare che un movimento può avvenire solo grazie ad un punto fisso.
  • Sono osservabili differenze anatomiche, di localizzazione e neurofisiologiche tra i muscoli a vocazione particolarmente dinamica o particolarmente statica.
  • I muscoli della statica sono principalmente profondi, fibrosi, molto tonici e resistenti, il che corrisponde alla loro vocazione di garantire la stabilità.
  • I muscoli della dinamica sono generalmente più superficiali, fasici, meno tonici, meno resistenti, il che corrisponde alla loro vocazione di realizzare i movimenti.
  • Esiste una differenza fondamentale tra il tipo di fibre muscolari e il diametro dei neuroni che le innervano.
  • Una constatazione è necessaria: la quantità di muscoli che possiedono una proporzione maggiore di fibre di tipo Ia (o Ia associate a fibre intermedie di tipo IIa) conferma l’importanza della funzione statica.
  • Accademicamente, i muscoli prevalentemente di fibre IIb sono meno numerosi. In RPG, si aggiunge, funzionalmente, ai muscoli prevalentemente dinamici il tricipite brachiale, gli addominali in generale e, più in particolare, il muscolo trasverso dell’addome.
  • A parte le patologie neurologiche flaccide, la fisiopatologia dei muscoli della statica è l’ipertonia, la rigidità e l’accorciamento. Al contrario, quello dei muscoli della dinamica è l’ipotonia e il rilasciamento.
  • Qualsiasi azione terapeutica deve quindi tenere conto di questa differenza.
  • Inoltre, le sinergie neurofibromuscolari sono finalizzate, il che comporta la necessità di un’armonia globale della loro messa in azione. La RPG tiene conto anche di questa necessità di messa graduale in globalità, in particolare durante lo stretching muscolare dei muscoli statici accorciati e irrigiditi. Questo permette di risalire dalla sintomatologia all’origine dei problemi, a condizione che le correzioni siano simultanee.
  • Le difese automatiche dell’apparato neurofibromuscoloscheletrico rispondono alle tre regole gerarchiche dei meccanismi di adattamento e difesa (Vedi capitolo 5 del libro RPG, il metodo).
  • Le contrazioni isometriche di bassa intensità, in posizioni di allungamento progressivo dei muscoli della statica, consentono il recupero della loro elasticità fisiologica, raggiungendo le fibre connettive più profonde del muscolo. Questa è la più completa delle azioni riguardanti le fasce e l’intero tessuto fibroso.
  • Un muscolo forte non dipende solo dall’importanza della sua area di sezione trasversale, ma anche dalla sua flessibilità. La sua rigidità limita, allo stesso tempo, il suo suo allungamento ed il suo accorciato. Il che riduce, di conseguenza, la velocità angolare. Un muscolo rigido è quindi un muscolo debole.
  • La stazione eretta dipende dall’attività tonica dei muscoli, rafforzata dal sistema fibroso. È quindi anti fisiologico immaginare che possa essere mantenuta dalla contrazione muscolare attiva. Questo sarebbe contrario alla regola numero 3 di risparmio energetico dei meccanismi di adattamento e difesa. (capitolo 5 del libro RPG, il metodo)
  • I muscoli addominali, come tutti i muscoli della dinamica, sono parte integrante delle nostre correzioni con la RPG, ma dobbiamo capire che, durante i nostri trattamenti, il loro compito è quello di mantenere provvisoriamente l’effetto delle correzioni nello stretching dei muscoli irrigiditi e non quello di contrarsi in seguito costantemente per ottenere questo risultato.

Autocontrollo o controllo antagonista

Durante la loro contrazione, i muscoli sono capaci di autocontrollo, grazie al riflesso miotatico diretto, al riflesso miotatico inverso, all’adattamento del loop gamma in base alla lunghezza muscolare e grazie all’inibizione ricorrente da parte delle cellule di Renshaw. Naturalmente, questo controllo è anche regolato dai centri automatici superiori e dalla corteccia.

Durante i gesti di grande ampiezza o alta intensità, è necessaria una messa in azione dei muscoli antagonisti-complementari per il controllo, causando un maggiore dispendio energetico.

Solo un trattamento con posture rieducative adattate alla regola dell’individualità, avente come base l’allungamento progressivamente globale e qualitativo dei muscoli irrigiditi e l’eventuale mantenimento delle correzioni da parte dei muscoli dinamici, permette di correggere le alterazioni posturali, le limitazioni e i dolori neurofibromuscolari e articolari. Il controllo attivo del paziente è costante.

I MUSCOLI ADDOMINALI

Questo gruppo comprende: i retti dell’addome (grandi retti ), gli obliqui esterni (grandi), gli obliqui interni (piccoli) e il trasverso dell’addome. È opportuno aggiungere i due piccoli piramidali.

Sono nel complesso di carattere dinamico, poiché non antigravitari ed accessori espiratori. Tuttavia, il trasverso dell’addome richiederà un capitolo particolare.

La loro anatomia è abbastanza conosciuta in modo che non sia necessaria scendere qui nei dettagli

L´évidence based “logica” (vedi capitolo 1 del libro RPG, tradizione, presente, futuro) conferma la loro bassissima partecipazione alla funzione statica, poiché gli obesi, la cui funzionalità degli addominali è molto alterata, possono sempre mantenere la posizione eretta.

I muscoli retti dell’addome (grandi retti)

La loro anatomia attira l’attenzione sul carattere relativo della loro funzione dinamica. Possiede infatti intersezioni tendinee.

Origina a livello della cresta pubica e s’inserisce sul processo xifoideo dello sterno e sulle cartilagini costali della 5a, della 6a e della 7a costa

La loro funzione contrattile permette di avvicinare le costole inferiori al pube in sforzi che costringono a flessioni precedenti o, al contrario, quando è opportuno inclinare il pube in avanti con le gambe in elevazione, per esempio. Questi sono i muscoli addominali la cui contrazione dinamica è la più potente. Ma, a livello statico, non sono mai stati antagonisti dall’accorciamento degli spinali lombari.
La loro tonicità è insufficiente per evitare l’iperlordosi. (Figure)


Non hanno le stesse inserzioni e non possono, in nessun caso, combattere contro gli spinali lombari, gli anteriori dell’anca, gli ileo-psoas, gli adduttori del femore e, soprattutto, il retto del quadricipite femorale che, in caso di retrazione, antivergono il bacino e sono tutti lordotizzanti.
È una banalità per noi constatare che, al livello 3 della postura in apertura d´angolo coxofemorale con flessione delle ginocchia, i retti addominali, anche in massima contrazione, non possono impedire il tilt anteriore del bacino (figura), quando c’è una retrazione dei di retti femorali.

Postura terapeutica rpg souchard tempo 3 della “rana al suolo”

In postura, l’attivazione dei retti dell’addome permette, in particolare, il mantenimento della correzione delle iperlordosi lombari in apertura d’angolo coxofemorale, dopo il pompage del sacro.

Avendo avuto la “fortuna” di soffrire di una sclerosi provvisoria dell’esofago, a seguito di un avvelenamento da funghi, ho avuto l’opportunità di verificare su me stesso che stavo accentuando la mia cifosi dorsale e che i grandi retti adottavano una tonicità antalgica del tutto anormale, soprattutto a sinistra, destinata a prevenire qualsiasi raddrizzamento Inopportuno e che rendeva doloroso il tratto muscolofibroso cervico-diaframmatico.

Questa ipertonicità è scomparsa quando i sintomi esofagei sono regrediti.

Nella relatività antagonista-complementare tra funzione statica e funzione dinamica, i muscoli retti dell’addome sono quindi i muscoli della dinamica la cui proporzione di attività tonica è più importante.

Gli obliqui esterni (grandi obliqui)

origina Dalla quinta alla dodicesima costa e si inserisce su: Linea alba, legamento inguinale, tubercolo pubico e cresta iliaca
Sono capaci di contrazioni che stringono vigorosamente la parte inferiore del torace. La loro attività contrattile è quindi espiratoria.

In RPG, usiamo la loro capacità di contrazione unilaterale per mantenere le detorsioni dorsali ottenute dall’attività manuale del terapeuta nelle posture terapeutiche, in particolare nei trattamenti delle scoliosi dorsali..

Vale la pena ricordare che la posizione bipede non richiede una contrazione costante dei muscoli della dinamica. Si tratta quindi di un mantenimento occasionale e mirato, che avviene dopo la correzione delle torsioni vertebrali.

Queste contrazioni occasionali a scopo terapeutico, come del resto tutte quelle dei muscoli la cui funzione è principalmente dinamica, mantengono, di conseguenza, il loro tono e, quindi, sono vantaggiose per loro.

Gli obliqui interni (piccoli obliqui)

origina dalla cresta iliaca, dal legamento inguinale e dalla fascia toraco-lombare, termina sulla linea alba e sulle cartilagini delle ultime tre o quattro coste. Presenta, a volte, un inserimento a livello della 5a. vertebra lombare.

La loro contrazione abbassa le coste inferiori.

Le loro fibre verticali inclinano il tronco; le loro fibre oblique, che terminano sulla linea alba, assicurano la flessione e la rotazione laterali.

In RPG, usiamo le loro possibilità di contrazione unilaterale per mantenere le detorsioni lombari, specialmente nel trattamento della scoliosi.

La loro azione di mantenimento della correzione è, tuttavia, meno efficace di quella dell’obliquo esterno (grande obliquo). Richiedono, il più delle volte, un’azione manuale più insistente del terapeuta, in particolare nella postura seduta.

Il carattere dinamico degli obliqui interni (piccoli obliqui) è confermato dal fatto che in caso di blocco inspiratorio del centro frenico del diaframma e del suo sistema di sospensione, appaiono le “ali di Sigaud”, alle quali non possono opporsi.

Il trasverso dell’addome

È il muscolo più profondo e con le caratteristiche più dinamiche della cintura addominale. Proviene dalle vertebre lombari, dalla cresta iliaca e dalla cartilagine delle ultime sei coste. Con un orientamento complessivamente orizzontale, termina sulla linea alba.

È il più efficace antagonista-complementare del centro frenico del diaframma poiché, con la sua contrazione, costringe la massa viscerale a farlo risalire, accentuando l’espirazione (espirazione di grande ampiezza).

Neanche lui può essere considerato in nessun caso come delordotizzante della regione lombare, poiché prende inserzione sulle sue vertebre.

Le sue contrazioni possono essere volontarie o automatiche, come, per esempio, in caso di starnuti.

Il suo rilassamento è frequente e aggravato dalla posizione seduta ripetitiva.

In RPG, distinguiamo due parti: al di sotto dell’ombelico, la sua aponevrosi fibrosa che lo collega alla linea alba passa davanti ai retti addominali. La sua capacità di far retrocedere la linea alba è quindi meno efficace al livello inferiore, mentre è perfettamente osservabile che il suo arretramento è maggiore a livello sovra-ombelicale, quando anche nelle persone magre, quando si contrae nelle espirazioni forzate. Il tilt anteriore del cingolo pelvico influisce sulla funzionalità del trasverso inferiore. anche nelle persone magre spesso si può notare una piccola “pancetta”.
Non è raro notare, in pazienti con un’obesità molto elevata, un’inibizione, che può essere completa del trasverso o riguardare più in particolare la zona sub-ombelicale. Associato a un eccesso di tessuto adiposo, si può quindi osservare una “tasca” inferiore, che scende sul pube.

Nei nostri trattamenti RPG, in apertura d´angolo coxofemorale, la contrazione del muscolo trasverso dell’addome avviene alla fine dell’espirazione paradossale. Questo permette il recupero della sua funzionalità e quindi partecipa al mantenimento in correzione delle coste basse.

LE ZONE DI INSISTENZA RESPIRATORIA

Conclusione

Qui abbiamo un’ulteriore prova del tipo di preferenza dinamica o statica dei nostri muscoli.

La messa a punto di questo articolo indica che, in nessun caso, si può svalutare il ruolo degli addominali. Partecipano all’eleganza generale delle masse corporee di un soggetto e consentono attività fisiche di intensità, sia professionali sia sportive.

Ma le loro differenze funzionali e fisiopatologiche richiedono una terapia adattata e coerente vis-à-vis di quella dei muscoli a vocazione statica.

Ph. E. SOUCHARD – agosto 2023.

Vuoi sapere di più sul Corso Base #rpgsouchard?

Date e sedi del prossimo Corso Base RPG

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna a News
Inizia una chat
ciao, come posso aiutarti?