Home arrow S.G.A.
A.I.R.P.G. Associazione Italiana Rieducazione Posturale Globale
Menu
Home
Servizi
Corsi
News
FAQ
Links
Forum
Mailing List
Diventa socio
Area privata
Nome Utente

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Online
Abbiamo 83 visitatori online
Statistiche
Visitatori: 4739088
S.G.A. PDF Stampa E-mail

Lo Stretching Globale Attivo trae i suoi principi dalla Rieducazione Posturale Globale metodo del “Campo Chiuso”, creata da Philippe E. Souchard. Lui stesso ha codificato 9 “autoposture”, come vengono in gergo definite, di allungamento muscolare da mettere a disposizione del mondo dello sport.

A differenza della R.P.G., usata a scopo terapeutico, lo S.G.A. va applicato sugli atleti nel corso della preparazione atletica, in sostituzione dello stretching classico, al fine di migliorare la performance. L’obiettivo dello S.G.A. vuole essere quello di realizzare una modificazione dell’assetto posturale attraverso una correzione bio-meccanica dei segmenti, attraverso una rimodulazione della distribuzione del tono, ma soprattutto attraverso un “rinnovamento” della registrazione dei comportamenti posturali, passando da un livello corticale ad uno sotto-corticale.

Tra le strutture coinvolte nel controllo della postura, un ruolo determinante è svolto dall’apparato muscolare, su cui deve essere operata una diferrenziazione sia sotto l’aspetto anatomico che funzionale. Partendo da questa distinzione si evidenziano due tipi fondamentali di fibre muscolari: fibre ricche di enzimi ossidativi caratterizzate da una ricca vascolarizzazione di piccolo diametro, con un metabolismo aerobico ma ad alto rendimento energetico o a scossa lenta, e fibre ricche di enzimi fosforilativi caratterizzate da una scarsa vascolarizzazione con un metabolismo anaerobico (utilizzano infatti le riserve di glicogeno) o a scossa rapida .Se ne può ragionevolmente dedurre che il muscolo lento è ben predisposto a funzioni per il mantenimento della postura, che richiedono perciò l’esplicarsi di forza per un lungo tempo.

Lo strumento che abbiamo a disposizione per tentare di indurre delle modificazioni sul sistema posturale è quello di agire dall’esterno con l’ esercizio sulle componenti neuro-sensoriali, mio-articolari, connettivali, etc. responsabili del controllo della postura ed in particolare su quei muscoli che hanno una responsabilità specifica nel mantenimento dell’equilibrio posturale .

Tutti i muscoli antigravitari (statici o posturali) sono inevitabilmente sottoposti ad una attività contrattile continua e prolungata, questa iperattività esita ineluttabilmente verso una ipertonia ed una retrazione con conseguente riduzione della loro elasticità, una delle componenti più importanti del muscolo. Entra in gioco in questo momento la differenziazione sulla condotta preventiva da seguire durante la preparazione atletica, privilegiando per essi il lavoro in allungamento, eliminando i compensi che sono conseguenza biomeccanica di ogni tentativo di correzione posturale. Si interviene in questo modo su due componenti responsabili delle modificazioni della postura : l’ipertono e la componente retrattile .

Al fine di influenzare l’ ipertono si sfrutta il riflesso miotatico inverso che prende origine da impulsi che si generano dai recettori propiocettivi (organi tendinei di Golgi). Grazie alla trazione meccanica esercitata durante l’ allungamento si ottiene inoltre un effetto sulla componente retrattile muscolo-tendinea . L’ allungamento muscolare induce profonde modificazioni biomolecolari che interessano la struttura mio-connettivale, infatti a livello della giunzione miotendinea è possibile descrivere un fenomeno di miofibrillogenesi che si realizza a livello di formazioni miotubiche; in particolare si realizza un incremento dei filamenti sottili sarcomerici dell’ actinina. In più a livello della placca motrice si possono descrivere effetti trofici che interessano sia la regione pre che quella postsinaptica dove è possibile dimostrare un incremento dei recettori per l’ acetilcolina.

A differenzia dalle comuni tecniche di stretching, nello S.G.A., riprendendo i concetti sulle catene muscolari che sono propri di Souchard, vengono interessati tutti i segmenti del corpo nello stesso momento attraverso la realizzazione di particolari “posture” che evolvono in maniera dolce e progressiva, con l’interessamento pure della respirazione, verso una posizione finale di massimo allungamento.

Un’altra caratteristica necessaria è costituita dalla partecipazione “attiva” dei distretti muscolari interessati dallo stiramento, attraverso la contrazione isotonica eccentrica. Ogni postura ha la specificità di allungare una o più catene muscolari in modo simmetrico, allontanando fra loro i due capi della stessa catena; questo allo scopo di evitare i compensi che renderebbero inefficaci e/o dannose le sollecitazioni in allungamento.

La validità dello S.G.A. è dimostrata oltre che dai risultati ottenuti con la R.P.G., soprattutto dalle esperienze realizzate da Souchard con gruppi di atleti trattati; sembra, infatti che dopo un periodo di pratica con lo S.G.A. siano stati registrati sensibili miglioramenti delle loro prestazioni atletiche, come verificato pure dalle equipes di alcune federazioni europee ed extraeuropee (federazione francese di boxe, federazione brasiliana di pallavolo,...).

In definitiva lo S.G.A. può essere considerato uno strumento di revisione e di riequilibrio delle tensioni muscolari e dei compensi prodotti dall’ allenamento e dalla pratica sportiva, nonchè un ottimo strumento per dare forza attiva ai gruppi muscolari specifici del gesto sportivo.

Tutto ciò si tramuta in una efficace azione di prevenzione nei confronti delle patologie da sovraccarico, ma anche, visto che agisce sulla eliminazione dei compensi e quindi verso l’economicità del sistema, in un aumento della performance sportiva.